s

Attacchi di Panico

Gli Attacchi di Panico sono periodi di paura o disagio intensi in assenza di vero pericolo, accompagnati da sintomi cognitivi o somatici. Gli attacchi di panico raggiungono rapidamente l’apice e si manifestano con breve durata, solitamente non superiore ai 10 minuti.

Possono essere non associati a un fattore specifico preciso, oppure associati a contesti specifici (per es. la guida in autostrada).

I sintomi somatici che possono caratterizzare gli attacchi di panico sono: palpitazioni, tachicardia, sudorazione, tremori…. I sintomi cognitivi possono essere: derealizzazione (sensazione di irrealtà) o depersonalizzazione (percepirsi come estranei da sé), paura di perdere il controllo o di impazzire, paura di morire.

La persona può arrivare a temere di avere altri attacchi di panico, e quindi si instaura il circolo vizioso della paura della paura, ovvero dell’ ansia anticipatoria di provare nuovamente il panico (disturbo da attacchi di panico).

Il rischio è quello di reagire evitando tutte le situazioni che possono attivare gli attacchi di panico oppure affrontare le situazioni solo se accompagnati da qualcuno. Questo rischia di portare a una notevole riduzione dell’autonomia nella vita dell’individuo.

Al disturbo di panico non di rado si associa una condizione psicopatologica chiamata Agorafobia. L’agorafobia è caratterizzata dall’ansia di trovarsi in luoghi o situazioni dai quali risulta difficile (o imbarazzante) allontanarsi, o nei quali potrebbe non essere disponibile aiuto, se si presentasse un attacco di panico. I timori agorafobici riguardano tipicamente situazioni quali l’essere fuori casa da soli, l’essere in mezzo alla folla o in coda, l’essere su un ponte, viaggiare in automobile o con altri mezzi di trasporto (ad esempio, treni o autobus).

Per informazioni, segue come contattarmi

Inviare e-mail