Disturbi Psicosomatici

“La mente è nel corpo, il corpo non mente”

Che ci sia un forte legame tra mente e corpo e che i due si influenzino reciprocamente, è un dato ormai certo.Quando il corpo si difende da emozioni dolorose e intollerabili manifesta il proprio disagio su alcuni organi, detti bersaglio. È il meccanismo di azione dei disturbi psicosomatici. Per alcuni soggetti le emozioni potrebbero essere troppo dolorose per poter essere sentite e vissute e quindi trovano una via di scarico nel corpo, incanalandosi in uno o più sintomi.

Immaginiamo, per esempio, una rabbia non espressa, inibita: potrebbe essere gestita canalizzandola, attraverso un meccanismo di somatizzazione sul corpo producendo un sintomo organico come il mal testa ricorrente.

Spesso chi soffre di disturbi psicosomatici si sente trattato come malato immaginario.

Ma occorre sottolineare che le manifestazioni organiche non sono prodotte intenzionalmente né tantomeno sono il frutto di simulazione: esse rappresentano disagi reali che possono andare a influenzare in modo negativo diverse aree del funzionamento del soggetto, come la vita affettiva, sociale, lavorativa e familiare provocando spesso un’ intensa sofferenza.

In questi soggetti, il corpo sostituisce la parola e dice, attraverso il suo malessere, ciò che la parola non sa e non può comunicare.

La psicoterapia ha l’obiettivo di aiutare il soggetto anzitutto a individuare le proprie emozioni, secondariamente a non temere di sentirle o esprimerle, allo scopo di non arrivare più a costringere il corpo a parlare per esse.

Disturbi di tipo psicosomatico possono manifestarsi nell’apparato gastrointestinale (gastrite psicosomatica, colite spastica psicosomatica…), nell’apparato cardiocircolatorio (tachicardia, aritmie…), nell’apparato respiratorio (asma bronchiale, sindrome iperventilatoria), nell’apparato urogenitale (dolori mestruali, impotenza, eiaculazione precoce o anorgasmia, enuresi), nel sistema cutaneo (la psoriasi, l’acne, la sudorazione profusa…), nel sistema muscoloscheletrico (la cefalea tensiva …).

Per informazioni, segue come contattarmi

Inviare e-mail