binge eating disorder

(BED) DISORDINE ALIMENTARE E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Significato di Binge Eating

Il Binge Eating Disorder (BED) è caratterizzato da episodi ricorrenti di abbuffate, senza l’utilizzo regolare di inappropriati comportamenti compensatori (quali vomito autoindotto, uso di lassativi o di diuretici, attività fisica intensa).

Sintomi e Comportamento

Per esempio i pazienti con questa tipologia di disturbo, alternano costantemente comportamenti di restrizioni alimentare alle abbuffate e questo va a rinforzare il senso di inadeguatezza e di fallimento. Quindi l’assunzione di cibo e le abbuffate sono strettamente correlate alle emozioni.

Poca attenzione per proprio corpo

Oltre alla mancanza di comportamenti compensatori, un’altra differenza tra questo disturbo e la bulimia. In questo caso rappresentato dal minore interesse attribuito dai BED al controllo del peso e della forma del corpo.

Anoressia Nervosa

L’anoressia nervosa è un disturbo dell’alimentazione caratterizzato da restrizione alimentare, paura di ingrassare e distorsione della percezione corporea e del proprio peso (per esempio ci si sente grassi o sovrappeso, quando la bilancia evidenzia esattamente il contrario).

Il corpo è vissuto come un nemico contro cui combattere, i cui bisogni fisiologici non vengono avvertiti. Il controllo del peso è ciò che garantisce una sensazione di autonomia e di autoefficacia e questo si manifesta dal punto di vista comportamentale. Per esempio la preferenza per cibi e bevande dal basso apporto calorico assunti in quantità limitata. Una tendenza ad alimentarsi molto lentamente e a tagliuzzare in piccoli pezzi il cibo. Una propensione a masticare a lungo per poi talvolta arrivare a sputare ciò che si ha in bocca, intensa attività fisica, attitudine a cucinare per gli altri e a incoraggiarli a mangiare.

In conclusione, il controllo del corpo diventa lo strumento di autoaffermazione e il biglietto da visita per poter essere accettati e piacere agli altri.

state of mind, BED, binge eating

Blogger per State of Mind

La dott.ssa collabora con il giornale delle scienze psicologiche “State of Mind

Bulimia Nervosa

La Bulimia Nervosa è caratterizzata dalla tendenza a esercitare, in maniera sregolata, un eccessivo controllo sul proprio corpo. Quindi la persona ha una preoccupazione  costante per il peso e le forme, per cui solitamente inizia a seguire una dieta ferrea, presentando però successivamente abbuffate e vomito autoindotto.

“Bulimia, letteralmente significa ‘fame da bue‘”
Si instaura un circolo vizioso diventando un vero e proprio disturbo alimentare. Solitamente dopo l’abbuffata si fa avanti la terribile paura di aumentare di peso, che a sua volta conduce alla messa in atto di comportamenti compensatori, per esempio (vomito autoindotto, uso improprio di lassativi, digiuno, esercizio fisico eccessivo). Questi a loro volta inducono il soggetto ad avere altre abbuffate e il circolo vizioso, vomito – abbuffata – vomito – abbuffata, si rinforza e si mantiene fino a rischiare di cronicizzarsi.

Il comportamento alimentare è controllato quando si è in pubblico e la scelta  si dirige pertanto su cibi a basso contenuto calorico.

In seguito alla bulimia nervosa, le abbuffate avvengono rigorosamente in solitudine e sono caratterizzate da un’eccessiva quantità di cibo assunta in un breve lasso di tempo. Come nel caso dell’anoressia, c’è una distorsione della percezione corporea: la persona solitamente si sente grassa nonostante l’oggettivo normopeso.

psicologa psicoterapeuta