*

Disturbo Ossessivo Compulsivo

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato generalmente dalla presenza di ossessioni e compulsioni, anche se in alcuni casi possono essere presenti le ossessioni senza le compulsioni.

Le ossessioni sono pensieri, impulsi o immagini mentali che vengono percepite dalla persona come sgradevoli o intrusive . Il contenuto delle ossessioni può variare da soggetto a soggetto, alcuni temi ricorrenti riguardano impulsi aggressivi verso altre persone, il timore di essere contaminati o altri pensieri di natura sessuale o soprannaturale. L’elemento in comune delle ossessioni è che sono impulsi non voluti dalle persone, che producono emozioni di paura, disgusto o senso di colpa.

Questo disagio emotivo può essere tanto intenso che le persone si sentono costrette a mettere in atto una serie di comportamenti (rituali) o di azioni mentali per neutralizzare le ossessioni o eliminarle dalla mente. Le compulsioni sono comportamenti ripetitivi (es: lavarsi le mani, ripetere più volte una stessa azione) o azioni mentali (es. contare, ripetere formule superstiziose) che permettono alla persona di alleviare momentaneamente il disagio provocato dalle ossessioni.

Le compulsioni non eliminano le ossessioni, che possono anzi risultare rafforzate e ripresentarsi nel tempo. Inoltre le compulsioni possono diventare molto debilitanti, impegnare molto tempo e costituire esse stesse un problema. La persona con disturbo ossessivo-compulsivo può iniziare a evitare tutte le situazioni associabili alle ossessioni e limitare notevolmente la propria vita sociale o lavorativa.

L’ossessivo è alla continua ricerca della certezza assoluta, il che va a rinforzare ulteriormente i dubbi che generano a loro volta altri dubbi alimentando un circolo vizioso. Inoltre l’ossessivo cerca a tutti i costi di evitare la colpa, giudicata assolutamente intollerabile.

Per informazioni, segue come contattarmi

Inviare e-mail